Un pensiero per domenica 22 marzo

Buongiorno a tutti!
Mi piace mandarvi un piccolo messaggio in questi giorni difficili…

Parto dal brano di Vangelo di oggi: l’incontro di Gesù con il cieco nato. Gesù ha chiesto a quell’uomo in difficoltà di andare, da solo, cieco, sporco di fango, sulla parola di uno sconosciuto, fino alla fontana di Siloe, dovendo attraversare Gerusalemme, passando in mezzo alla gente che riteneva un cieco un peccatore…
Pensando a quest’uomo e a noi, che stiamo vivendo questa esperienza inaspettata, chiediamo al Signore il dono dello Spirito, per cogliere qualcosina di ciò che Gesù gli avrà detto, per capire qualcosa di ciò che dice a noi oggi, in questa Quaresima, in questa situazione.

“Carissimo, questo che stai attraversando è un tempo difficile… Che ti mette alla prova… Menomale che Dio, che è nostro Padre, ci accompagna! Ascoltami. Lui ci sta accanto invitandoci a tenere nel cuore quella speranza che ha messo dentro di noi e che, sola, ci permette di sostenere anche i momenti difficili…

La speranza che il Padre ci vuole bene, ha cura di noi, sempre. Tienila nel cuore, non lasciartela rubare da nessuno e da nulla…Custodiscila, alimentala, coltivala fino a sentirla una certezza.

So che ti senti in difficoltà, hai nel cuore una guerra… ma io, Gesù, ti sono vicino per dirti che la Parola di Dio Padre è anche per te una parola di promessa…

Ricordi Abramo? Anche a te, io, nel nome di Dio, nostro Padre, oggi, prometto che troverai una terra di libertà dove potrai essere te stesso; ti saranno donati dei fratelli, una discendenza, un popolo che insieme a te camminerà; fidati di me, tu diventerai una benedizione per tutti coloro che ti incontreranno perché in te troveranno un amico, un fratello, un compagno di viaggio per la loro vita.
Mentre ti incammini verso questa promessa, hai bisogno di percorrere anche il deserto, la fatica, anche tratti di strada arida e desolata. Hai bisogno di compiere questo itinerario.

Attraversare la città sporco di fango, mostrando a tutti i tuoi limiti, la tua cecità, prendendo su di te il loro sguardo di giudizio o beffardo o compassionevole o indifferente…è duro, difficile, la tentazione è scoraggiarsi…ma la promessa di Dio ti può aiutare ad affrontare tutto e ad arrivare alla fine.”

Anche per noi attraversare questo tempo di sospetto, di paura, di inquietudine, di desolazione, accettare il proprio limite, andare verso un futuro incerto è preoccupante, è duro, difficile, ma la promessa di Dio ci può aiutare.

E questo cammino sarà un’occasione di ascolto e di docilità, di ascolto e di fiducia, di ascolto e di speranza.

È solo nella promessa di Dio che la nostra speranza si appoggia. Ecco, camminiamo, ascoltiamo, teniamo dentro di noi questa parola e arriveremo dove Dio ci porterà.
Ritroveremo anche noi la vista e potremo con occhi nuovi guardare al mondo, a noi stessi, agli altri, alla vita…
E la promessa si compirà per ciascuno di noi.

Buon tutto!

don Denis

Potrebbero interessarti anche...