Oratorio Estivo 2017 “DettoFatto” – il racconto giorno per giorno

Santa Messa di chiusura

Incantati…

Tutti attenti

Preghiera della mattina

Tutti pronti per la scherma

Balli di gruppo: siamo in tanti…!

Ballo di gruppo: per coinvolgersi

Balli di gruppo: nonostante il caldo…

Il servizio ‘musicale’ di alcuni animator

07 luglio 2017

Ultimo giorno. Finisce un’avventura straordinaria. “Qui ho visto la fede trattata nella sua dimensione umana” ci dice il seminarista Antonio

La Regina della Pace ha vegliato

che quest’anno è stato affidato al nostro oratorio. “Umana, perché si è guardato a tutta la povertà di cui siamo fatti. Umana perché si è pregato prendendo spunti dalla letteratura, dall’arte, dalla cultura che l’uomo ha prodotto”. Ma non finisce qui.

Il seme buono che è stato piantato germoglia o germoglierà, secondo i modi e i tempi che un Altro decide. A noi di restare fedeli.

06 luglio 2017

Siamo quasi alla fine di questo Oratorio estivo: anche quest’anno possiamo essere d’accordo con  Sant’Agostino che secoli fa diceva che “Le parole insegnano, gli esempi trascinano.”

E di esempi belli i nostri ragazzi ne hanno visti tanti! Basti pensare alla dedizione con cui animatori e volontari hanno lavorato perché tutto fosse pronto, bello, fruibile. Possano far tesoro dell’esempio di “servizio” che hanno ricevuto. Che tornino all’oratorio …perché si sentono voluti bene. Dentro ad uno sguardo Alto, dentro alla prospettiva di Dio.

Allora sì, esso diventa il miglior posto al mondo.

05 luglio 2017

Abbiamo ripreso più volte in questo racconto giornaliero il concetto di bellezza. Esso non deve essere inteso come lusso o vanità, quanto come stato di equilibrio e armonia vivente,  che prende tutti i dettagli del nostro quotidiano. È il gusto di preparare bene i giochi, di curare il momento del pranzo, di tenere pulito. È uno stile che dice il rispetto dei beni che ci sono messi a disposizione e il giusto valore dato ad essi.

04 luglio 2017

Giornata intensa, oggi, con il ritrovo cittadino dei ragazzi che frequentano l’oratorio estivo alla Robur. Per un momento comune, occasione  per ampliare lo sguardo a tutta la città. Perché non basta rifugiarsi a contemplare la bellezza della natura. È la nostra città che va vissuta, va letta, pena il perdersi dentro, il non capirsi più. Una città che oggi, a differenza delle antiche, non ha più mura, non ha più porte. In senso fisico. A noi tocca abbattere i ‘muri’ che ancora ci sono, tocca costruire ponti.

03 luglio 2017

Giorni fa avevamo fatto cenno alle canzoni che accompagnano la giornata dei ragazzi. C’è un altro inno che vogliamo proporvi a questo link. 

Nel ritornello si dice “DettoFatto tutto quanto ha un senso” e “non diventerà un’abitudine guardare la realtà da te voluta”. Ecco, siamo all’ultima settimana di Oratorio.

L’augurio è che i nostri ragazzi possano davvero aver fatto esperienza di “cosa basta al cuore dell’uomo”, che abbiano a vedere l’amore di Dio nella loro vita e che il cammino continui…nella fede.

30 giugno 2017

Oggi si è chiusa la 3ª settimana di Oratorio estivo e …si avvicina un po’ la fine di questa avventura. Settimana prossima infatti ci sarà la festa finale di chiusura di “DettoFatto”. Finisce l’oratorio estivo dei ragazzi (specie per chi non prosegue con le vacanze in montagna), ma le vacanze per molti non sono finite, anzi, per chi lavora forse non sono ancora cominciate.

A partire da questo vogliamo richiamare il fatto che il tempo libero è il tempo della libertà. Senza dubbio è così. Lo dice la parola. Ed è tempo della bellezza, perché la bellezza ha a che fare con la libertà, nel senso che spesso ci viene offerta gratuitamente (quando siamo incantati da un paesaggio, dal volto sorridente di un bimbo, ecc.). Potremmo quindi dire che il tempo del riposo è tempo privilegiato per educarsi alla bellezza, quella del creato e quella prodotta dall’uomo. “DettoFatto” quindi non è stato scelto a caso: il tema educa i ragazzi alla bellezza. E noi, come ci educhiamo alla bellezza?

29 giugno 2017

Scopriamo un altro pezzetto dell’inno cui  abbiamo fatto cenno ieri.

“Il mio oggi, il mio domani non esistono che in Te, in te creatore dei miei piani e del bello attorno a me.”

Non decido io della mia vita, i miei piani non portano da nessuna parte se non sono disponibile a farmi plasmare “come creta fra le mani”. Il cammino che i ragazzi stanno facendo riflette proprio questo: ai vari momenti proposti durante la giornata sono chiamati a rispondere …per far prendere forma al capolavoro che è la loro vita!

28 giugno 2017

All’oratorio estivo si balla! Sì, avete capito bene, si ballano gli inni pensati ogni anno dalla FOM, la Federazione diocesana per gli Oratori Milanesi. Uno di questi è “DettoFatto il suo disegno”. A questo link YouTube potete  sentire parole e musica.

Il soffio della vita rende tutto diverso, tratto dopo tratto appare l’universo: tela infinita, gioco di colori, luce che dipinge, il buio resta fuori.” 

Le tenebre non vinceranno. Egli è la luce.

27 giugno 2017

Siamo fortunati ad avere gli oratori! Dovremmo ricordarcene più spesso. L’oratorio, come dice la parola, è luogo dove si prega, ma anche dove si sta insieme nella gioia della fede. E come scriveva Sant’Ambrogio: “Ogni età è matura per Cristo”.

26 giugno 2017 (3ª settimana)

Oggi sono arrivati i falconieri! Bambini ed animatori sono rimasti incantati, e lo si vede dalle foto, da questi volatili. Hanno ‘respirato’ la varietà del creato. Perché ogni creatura è preziosa agli occhi di Dio.

23 giugno 2017

“Cosa vuol dire addomesticare?” “Creare dei legami. (…) Se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo ed io sarò per te unica al mondo.”  Nella preghiera di oggi si è proposto un brano da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry.

Il valore dell’amicizia, che rende unica una persona agli occhi dell’amico e la necessità di ‘addomesticarsi’ in questo, di ‘perdere tempo’, di ‘stare con’, di camminare insieme, perché questa amicizia cresca. Questo è davvero un messaggio universale, è ciò che i ragazzi imparano  all’oratorio estivo, è ciò che deve imparare a vivere ciascuno di noi.

22 giugno 2017

Lo sport aiuta a trasmettere valori importanti per la formazione del carattere, specie dei più giovani. All’oratorio estivo i nostri ragazzi si cimentano anche con la scherma. Valentina Vezzali, nell’aprile 2016, nell’ annunciare il suo ritiro da questa disciplina che l’ha vista tante volte vincitrice ha detto: “La scherma  mi ha insegnato a battermi e a non mollare mai. (…) nella vita dopo ogni fine c’è sempre un inizio ed io non vedo il tramonto, ma l’alba di nuove sfide da affrontare e da vincere.”

È l’augurio con cui accompagniamo i nostri ragazzi.

21 giugno 2017

Danzate, ovunque voi siate, perché io sono il Signore, il Signore della danza e io conduco la vostra danza, ovunque voi siate, io condurrò la vostra danza.

20 giugno 2017

Dal salmo 77 della liturgia di oggi prendiamo il versetto in cui “Diremo alla generazione futura le meraviglie del Signore”. È uno degli obiettivi dell’oratorio estivo. È la bellezza della fede mostrata ogni giorno.

Il gioco del pomeriggi

19 giugno 2017

Essere terreno buono. Non avere paura. Questo è ciò che possiamo imparare dalla vita. Questo è quello che gli animatori cercano di far vivere ai nostri ragazzi.

16 giugno 2017

Alla teologa Dorothee Sölle fu chiesto “come spiegherebbe la felicità ad un bambino?” “Non glielo spiegherei, gli darei un pallone per giocare”. 

Nell’atto gratuito, incarnato nel gioco, scopriamo la pienezza della vita, così nell’amore autentico gustiamo la felicità pura.

Guardate le foto dei nostri ragazzi mentre giocano. Re-impariamo da loro.

Laboratorio agricolo: piccoli “agrari” crescono 

15 giugno 2017

Non basta stupirsi del dono bello del creato, dobbiamo adoperarci per custodirlo. Dio chiede a noi di collaborare alla creazione.

Il momento di preghiera delle medie

14 giugno 2017

La preghiera è uno dei momenti che scandisce la giornata dei ragazzi. I canti proposti, spesso gestualizzati, aiutano a pregare, anzi fanno molto di più. Perché il canto s’imprime nella memoria con più forza delle parole…

Lavoretti di I e II elementare

Lavoretti di III, IV, e V elementare

13 giugno 2017

Siamo al 2° giorno di oratorio. Sapete come comincia il I libro della Genesi? Il primo, primissimo versetto?

“In principio Dio creò il cielo e la terra”.

Ecco, Dio non perde tempo. Crea. E anche i nostri ragazzi hanno cercato di tirare fuori la creatività.

Il gruppo di ragazzi iscritti all’oratorio estivo 2017

12 giugno 2017

Nella foto non li vedete tutti, vero? Certo, perché sono tantissimi i nostri ragazzi dell’oratorio estivo.

Si parte. ‘DettoFatto’ ma… una mano che crea e ricrea è fondamentale. Andremo alla scoperta di questa mano grande.