Ogni giorno scegli tu dove guardare

Abbiamo ascoltato ieri la testimonianza dei genitori di Marco Gallo, tragicamente scomparso all’età di 17 anni il 5 novembre 2011.

Ci hanno restituito l’immagine di un ragazzo appassionato della vita, anche audace nelle scelte e nelle esperienze che decideva di intraprendere. L’audacia gli arrivava dal poggiare la sua forza e la sua vita sulla presenza e sull’amore di un Altro, di Gesù.

Era attento ai fatti che gli succedevano, non come frutto del caso, ma come occasioni per coinvolgersi nella vita, per capirne il significato e il nesso con l’infinito. Un cuore aperto, uno sguardo spalancato sulla realtà. Senza censurare nulla.

E in tutto quel che faceva era libero, non perché tutto si può fare, ma perché era in compagnia del Signore. Un cuore teso e alla ricerca, libera, di qualcosa di abbastanza grande da soddisfare la vita.

Una vita che in quei brevi anni gli era diventata una cosa appassionante, perché tutta dentro la sapienza del Mistero di Dio. “Solo dal mistero io dipendo”, come ebbe a scrivere.

Potrebbero interessarti anche...