Lettera Pastorale di Delpini: il ‘venite e vedrete’ che fa la Chiesa

La 1ª lettera del nuovo arcivescovo di Milano Delpini mi colpisce fin dal titolo: “Vieni, ti mostrerò la sposa dell’Agnello” (che è un versetto dal cap. 21 dell’Apocalisse).

Il verbo mi richiama alla memoria il Gesù che nei Vangeli esorta i suoi discepoli: “Venite e vedrete”.

Quando diciamo “vieni” a qualcuno, stiamo facendo un invito.

Una proposta.

E colui che se la sente fare, capisce che c’è da fare un cammino (venire è verbo di movimento); gli è richiesto un lavoro, una prova, una verifica.

Ecco, potrei fermarmi qui, al titolo: esso mi svela già molto della fede in Cristo.

La sposa dell’Agnello è la Chiesa (Gerusalemme nuova), “che vive nella storia”, come scrive nel testo l’arcivescovo e che “può accogliere tutti, perché le sue fondamenta sono solide“.

E più avanti:

“Non si tratta di impresa umana, non di efficienza organizzativa, non di un esercizio di potere, non di un regolamento né di una disciplina, non di una tradizione.” (…)

“Tutto è possibile perché Dio abita nella città.”

(riflessioni da una prima lettura della Lettera Pastorale da parte di una parrocchiana)