Fatti per la verità

La conoscenza e l’ascolto hanno bisogno di un uomo desiderante la verità, nonostante tutti gli “addii” che ad essa si può cercare di dare in questo nostro tempo postmoderno.

La post-verità è  … una fake news.

La questione della verità ritorna sempre perché è il cuore dell’uomo ad essere fatto per essa.

Certo, si può lasciarsi volontariamente ingannare, sapendo di essere ingannati, ma ricavando qualche vantaggio secondario: questo è quello che la bibbia chiamerebbe cuore perverso.

Il cuore nella sua origine contiene in sé una istanza critica.

Occorre desiderare la verità più di se stessi, o desiderare la verità come senso e compimento di sé.

Occorre educare a questa totalità dell’ascolto, si ascolta veramente quando si ascolta con la totalità della persona.