19 novembre: 1ª giornata mondiale dei poveri

Papa Francesco ha indetto la 1a giornata mondiale dei poveri. Se guardiamo all’uso delle parole, egli parla di giornata DEI poveri, non per i poveri. Al centro sono loro.

Il “sottotitolo” del messaggio che la Santa Sede ha diffuso è: NON AMIAMO A PAROLE, MA CON I FATTI.

Un esempio di chi ha saputo amare con i fatti?

Il Papa cita San Francesco d’Assisi, che “non si accontento’ di abbracciare e dare l’elemosina ai lebbrosi, ma decise di andare a Gubbio per stare insieme con loro”.

Come si può vivere così?

“Queste esperienze dovrebbero condurre ad un vero incontro con i poveri e dare luogo ad una condivisione che diventi stile di vita.

(…) La povertà è un atteggiamento del cuore. (…) San Francesco era testimone della genuina povertà proprio perché teneva gli occhi fissi su Cristo.”

A cosa serve questa giornata?

E’ la frase forte con cui il Papa chiude il suo messaggio: “questa giornata diventi un richiamo forte alla nostra coscienza credente, affinché siamo sempre più convinti che condividere con i poveri ci permette di comprendere il Vangelo nella sua verità più profonda. I poveri non sono un problema: sono una risorsa a cui attingere per accogliere e vivere l’essenza del Vangelo.”

 

 

Per chi vuole approfondire, ecco il testo completo del Papa Messaggio I giornata mondiale dei poveri 2017.

 

 

Potrebbero interessarti anche...